Neve Cosmetics Psicotropical Collection

Neve Cosmetics Psicotropical Collection

Qualche giorno fa è a sorpresa arrivato un corriere con un delizioso pacchetto blu targato Neve Cosmetics. All’interno la nuova collezione Psicotropical che ha fatto ieri il suo debutto ufficiale e che tanto mi aveva incuriosito come concept e ispirazione.

Psico + Tropical. Evadere con tutti i sensi…
Una collezione che esplora il potere psichedelico del colore.
Psicotropical è uno stato mentale, è l’urgenza di cambiare orizzonte, di sintonizzarsi su vibrazioni limpide, tonalità estreme, contrasti floreali.
Perdersi per qualche istante, o per un’estate intera…

La Psicotropical viene quindi presentata come una collezione dedicata all’estate e alla natura come luogo di evasione, giocata, in teoria, sul colore e sul contrasto.
Saprete che a questo punto mi piace calarmi in ruoli che poco mi competono e muovere un numero indefinito di critiche alle scelte artistiche fatte. Stavolta però cambierò scaletta, quindi i commenti sulla collezione nel suo complesso li troverete alla fine del post, dopo una lunga panoramica sui prodotti.
Esatto, lunga. Quindi afferrate un bicchiere di granita e mettetevi comodi, si inizia!

Neve Cosmetics Psicotropical Collection
Neve Cosmetics Psicotropical Collection
Neve Cosmetics Psicotropical Collection

GLI ARCOBALENI

Per la Psicotropical Neve Cosmetics ha deciso di puntare sugli Arcobaleni, le famose polveri in cialda che amo dai tempi della palette Elegantissimi.
Nello specifico la collezione vanta quattro ombretti in finish opaco e shimmer e un blush multiuso.

FLY

Giallo canarino pallido e delicato, dal finish matte ed evanescente. Il punto luce più raro ed esotico.
Fly è un giallo pastello con una punta di lime che potrebbe presentarsi come più o meno evidente in base all’incarnato.
Il colore in sé è molto interessante, ma la texture, ahimé, non dà molte prospettive di utilizzo. La cialda è molto compatta e per ottenere un velo di colore occorre stratificare molto prodotto rendendo l’effetto della polvere gessoso. La situazione migliora però sovrapponendolo a una base cremosa bianca, soprattutto se come me tendete ad avere una palpebra non proprio incolore.
Come lo uso? L’ho trovato carino applicato su tutto l’occhio per un look dal tocco editoriale che non scadesse nel classico bianco. Meno interessante come punto luce centrale di uno smokey halo, dove ho sentito il bisogno di qualcosa di più luminoso a fare da rinforzo.
Fatemi sapere se avete consigli!

LOST

Verde beige shimmer con riflessi bronzo chiaro.
La rivelazione del reparto occhi. Temevo fosse il classico bronzo luminoso, ma no, Lost ha una base marrone tendente al verde oliva con riflessi che vanno dal platino all’oro.
La texture è morbida, ma non cremosa al tatto come quella di Tour.

TOUR

Rame acceso dal sottotono senape.
Okay, Tour non sarà il colore più originale del mondo, ma tonalità simili nel mio stash non sono mai abbastanza. È un rame aranciato non troppo profondo, ma neanche troppo brillante. Se vi piacciono toni sul genere difficilmente potrà starvi male.
La cialda al tatto è morbidissima, la polvere scrivente e facilmente sfumabile. Adorabile.

STORM

Verde petrolio intenso matte.
Qui non sono d’accordo con la descrizione dell’azienda. Storm è un bellissimo teal profondo ben bilanciato, non troppo verde e non troppo blu. Ha una texture setosa, è scrivente ma non fa macchia e, soprattutto, una volta sfumato mantiene il colore senza incupirsi come spesso accade con toni simili.

ESCAPE

Rosa corallo chiaro acceso dal finish opaco. Addio pallore cittadino!
Chiude la rosa de Gli Arcobaleni il blush Escape. Stavolta la descrizione di Neve mi vede decisamente d’accordo.
Non sono abituata a indossare blush e di solito preferisco colori poco saturi, quindi ero convinta che io e Escape fossimo due mondi con poco da spartire. In realtà la polvere non è pigmentatissima e, a meno di non calcare molto la mano, l’effetto è quello di un tocco leggero di colore alla bonne mine che in estate è sempre ben accetto. Conto di evitarmi un po’ dei classici “Ma stai bene? Ma l’hai mai visto il sole?”.
Fan dei blush ‘in your face!’, Escape non fa per voi.

Neve Cosmetics Psicotropical Swatch
Neve Cosmetics Psicotropical Collection

PASTELLO

La parte più corposa della collezione è costituita dalle matite Pastello, nella loro nuova veste e formula.
La Psicotropical aggiunge infatti al parco Neve quattro tonalità opache per gli occhi e due con finish metallizzato per le labbra.

PALM

Verde giungla vibrante e acceso, dal finish opaco.
Per quanto ‘verde giungla’ sia una descrizione affascinante e appropriata per il tema, io mi manterrei su un più universale ‘verde prato’.
È un colore che mancava alla mia collezione e che difficilmente mi è capitato di incontrare assoluto, senza riflessi o addirittura glitter di sorta. Lo vedrei benissimo in rima interna abbinato a uno smokey scuro, magari con Storm.

JACARANDA

Lilla intenso acceso dal finish opaco.
Un lilla brillante che però su incarnati più scuri acquista una sfumatura indaco.
Non è esattamente la mia tazza di tè da usare sugli occhi, ma sulle labbra è stupendo (complice anche la texture particolarmente morbida).

ISLA

Blu oltremare scurissimo e profondo.
Non nego che a leggere la descrizione qualche punto interrogativo ha iniziato ad aleggiare sulla mia testa, perché effettivamente il tratto di Isla ricorda sì un blu oltremare, ma non un blu profondo.
Tra le Pastello della collezione è quella con la texture più ferma ed è quella che su di me ha avuto le performance migliori in termini di durata, sia come base che come eyeliner.

SOMBRA

Marrone neutro desaturato opaco.
Sombra è un marrone di media intensità, neutro ma con la punta del naso orientata verso la parte calda dello spettro.
Non un colore originalissimo, ma sempre utile. La texture è morbida ma abbastanza ferma, molto vicina a quella di Isla.

Neve Cosmetics Psicotropical Collection
Neve Cosmetics Psicotropical Collection
Neve Cosmetics Psicotropical Swatch

Queste sono le prime Pastello occhi che provo nella nuova formula accanto a Acero che ho ricevuto in occasione della Pastello Revolution di qualche settimana fa.
Ricordo che fui tra le prime ad acquistare le Pastello al loro lancio, e ancora oggi Bosco e Zaffiro restano alcuni dei miei colori preferiti. Malgrado vari tentativi, però, non sono mai riuscita a indossarle con soddisfazione perché, qualsiasi uso ne facessi, non c’era verso di farle durare.
L’eyeliner diventava un cut crease perfetto nel giro di minuti, la rima inferiore a fine giornata era pericolosamente vicina alla tempia.
Inutile dire, quindi, che sono state il prodotto cui ho dedicato più attenzione nei miei test.

In linea di massima trovo che la nuova formula sia più morbida della precedente, il che garantisce un payoff migliore e una maggiore sfumabilità. Non si avverte neanche più l’odore legnoso delle prime matite, bonus!
In termini di durata, per quanto non si tratti di un prodotto che si fissa, ho riscontrato miglioramenti sensibili al punto che riesco a usarle persino sulla palpebra inferiore senza avvertire l’esigenza di fissarle con una polvere.
Il mio punto critico continua a essere la rima interna dell’occhio, dove purtroppo anche le nuove Pastello falliscono accumulandosi tra le ciglia prima ancora che io abbia ultimato il trucco.
Ma onestamente non me la sento di imputare troppo a matite che non nascono per essere waterproof e che su occhi meno problematici dei miei hanno indubbiamente una resa migliore.

Neve Cosmetics Psicotropical Collection
Neve Cosmetics Psicotropical Collection
Neve Cosmetics Psicotropical Swatch

PITAYA

Magenta desaturato con satinatura lilla.
Descrizione perfetta.
A primo impatto ero convinta mi sarebbe stata decisamente male. O meglio, che sul mio incarnato tendente al giallo non avesse un effetto propriamente piacevole per chiunque dotato del dono della vista.
Ah, quanto mi sbagliavo.
La formula è molto morbida, infatti basta una sola applicazione perché la mina sia da temperare. Il tratto è pulito, il colore pieno.
Quanto alla durata non ho riscontrato prestazioni differenti rispetto alla vecchia formulazione. Su di me le Pastello resistono discretamente per almeno cinque ore, più di molti rossetti tradizionali. Pitaya, in particolare, se l’è cavata egregiamente anche dopo un gelato (gusto noce, ovviamente!).

Neve Cosmetics Pitaya Swatch

LYCHEE

Rubino acceso satinato. Da mordere!
Definirei Lychee come un rosso rubino profondo, leggermente desaturato e con una satinatura magenta molto delicata.
Anche se la texture è meno morbida rispetto a quella di Pitaya, il tratto è comunque denso di colore e la sensazione sulle labbra piacevole.
Durata in linea con le altre Pastello labbra.

Neve Cosmetics Lychee Swatch
Neve Cosmetics Psicotropical Collection

VERNISSAGE

Chiudono la collezione due Vernissage.
In realtà avrei tra le bozze un post abbastanza lungo dedicato proprio a questi gloss, un racconto di disagi adolescenziali e traumi ancora non superati.
Drammatiche reminiscenze a parte, però, a me i Vernissage piacciono tanto (spoiler!).
Non sono i classici gloss effetto specchio, in generale sono abbastanza densi e alcune colorazioni sono così pigmentate da ricordare rossetti liquidi.
Restano lucidi a lungo, almeno finché non si appoggiano le labbra su cibo, bicchieri o superfici varie. In ogni caso, anche quando la ‘componente gloss’ è andata via rimane un velo di colore che, con i toni più scuri, è una vera e propria tinta.

I colori aggiunti dalla collezione Psicotropical sono Voyage of Life e Tiger in a Tropical Storm.

Neve Cosmetics Psicotropical Collection
Neve Cosmetics Psicotropical Collection
Neve Cosmetics Psicotropical Swatch

VOYAGE OF LIFE

Color aragosta rosato intenso con riflessi metallici. Magico ed evocativo.
Da qualche parte ho letto che Voyage of Life fosse un colore freddo, ma non sono d’accordo. Su di me è un colore a metà strada tra un rosso poco saturo e un rosa cupo, a base calda.
È ricco di microglitter che aggiungono un riflesso leggermente freddo e che sono abbastanza evidenti tendendo le labbra e alla luce indiretta.

Neve Cosmetics Voyage of Life Swatch

TIGER IN A TROPICAL STORM

Color aragosta caldo a sottotono mattone. Opaco e coprentissimo.
Okay, lui lo attendevo con ansia.
Dalle immagini di anteprima aspettavo un rosso mattone, ma in realtà Tiger in a Tropical Storm (TIATS d’ora in poi) è un meraviglioso nude terracotta. È coprente al punto che posso anche ricostruire parte del labbro superiore senza aver bisogno di una matita e il colore resta su labbra e pelle a lungo dopo che l’effetto lucido è svanito.
Amanti dei nude caldi, TIATS dovete averlo.

Neve Cosmetics Tiger in a Tropical Storm Swatch

IN CONCLUSIONE?

Trovo la Psicotropical una collezione ben riuscita dal punto di vista della completezza. Sono riuscita a realizzare più look senza dover attingere ad altro e spero di mostrarvi presto qualcosa.
Non ne colgo però l’ispirazione. La parte ‘Tropical’ è ben rappresentata sia nelle scelte cromatiche che nei nomi attribuiti ai prodotti. Ma la parte ‘Psico’? ‘Potere psichedelico’ del colore non si traduce necessariamente in ‘allucinazioni e trip da acidi’, lo so, ma forse qualche tonalità che rompesse il generale clima di serenità evocato dalla collezione sarebbe stata più appropriata per il tema e più in linea con il visual adottato.
Io ci avrei visto benissimo qualche InkMe fucsia, arancione o verde in contrasto con i colori delicati degli ombretti, ad esempio.

Ad ogni modo, spero che questo post vi sia stato utile. Non ho aggiunto comparazioni per non rendere la lettura troppo lunga e pesante, ma se avete richieste fatevi sentire nei commenti e provvederò!
Vi ricordo che se volete acquistare qualcosa avete tempo fino al 29 giugno per approfittare delle spese di spedizione a 1€ e del 10% di sconto sui pezzi della collezione (disponibile anche in bundle!).
Fatemi sapere cosa ne pensate, se avete adocchiato qualcosa o avete già fatto acquisti!

Neve Cosmetics Psicotropical Collection

La collezione Psicotropical mi è stata gentilmente inviata dall’ufficio stampa di Neve Cosmetics.
Non mi è stato posto alcun vincolo, né in merito alla pubblicazione del post, né in merito al suo contenuto. La mia opinione è come sempre onesta e riflette la mia personale esperienza.

3 replies to "Neve Cosmetics Psicotropical Collection"

  1. GloriaP says:

    Ti scopro solo ora, ma wow!
    Foto bellissime e articolo utilissimo.

    Siccome i due vernissage sono caldi, consiglieresti voyage of life a una persona fredda?
    (e senza quelle bellissime labbra, ahah)

    Reply
    • Natalia says:

      Grazie mille!

      Trattandosi di gloss è difficile orientarsi perché il colore varia in base a diversi fattori. In linea di massima non lo consiglierei a occhi chiusi, ma è molto probabile ti stia bene.
      Quasi sicuramente esalterai la nota mattone, calcola questo 🙂

      Reply
  2. […] ai quattordici anni è ancora lontana, dunque. Il mio preferito tra i Vernissage, accanto a Tiger in a Tropical Storm*, è Les Poiseuses*. Un nude. Un nude chiarissimo e coprente. Un nude quasi effetto correttore. […]

    Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *